C’e’ poco da negarlo, la mela e’ il frutto più celebrato, raccontato e raffigurato nella storia umana e da dove derivi il segreto di questo inossidabile successo e’ tuttora un mistero. Che sia di belle fattezze, gustosa e nutriente e’ cosa risaputa, ma che sia stata fonte di ispirazione per poeti, artisti e scienziati e’ veramente incomprensibile.
Alla mela sono inoltre legati miti e simbolismi universali, a testimonianza dell’importanza che questa specie vegetale ebbe fin dalle civiltà più antiche ed in ogni parte del mondo.

Dalla Bibbia agli snack: l’inarrestabile notorietà della mela

Nella religione cristiana, Eva e Adamo per un morso ad una mela, commisero peccato originale avendo mangiato il frutto proibito dell’albero della conoscenza, mentre per tutto il corso della storia, sovrani e imperatori si fecero sempre raffigurare con una mela in mano, simbolo cosmico che rappresentava il mondo.
Per un pomo d’oro Paride, Afrodite, Atena e Hera causarono la rovinosa guerra di Troia, mentre la fortuita mela di Isaac Newton, porto’ il famoso scienziato a formulare la rivoluzionaria legge di attrazione universale. Anche in Svizzera questo frutto cambio’ la storia: la mela di Guglielmo Tell, leggendario eroe nazionale, posta sul capo del figlio venne colpita e permise al famoso arciere elvetico di guidare il suo popolo verso la libertà.
Ma chissà come sarebbero andate le faccende umane se la mela non fosse mai esistita?
Tra il sacro ed il profano pochi sanno che il frutto della pianta del melo, il cui nome scientifico è Malus domestica della famiglia delle Rosacee, e’ un falso frutto.
La parte commestibile non deriva dall’ovario, ma dalla trasformazione di parti del fiore ed il vero frutto sarebbe il cuore centrale, contenente i semi, quello che viene usualmente gettato.
Pianta originaria dell’Asia occidentale, già conosciuta in epoca preistorica, se ne contano circa 3000 varietà.
Purtroppo nel nostro paese molte pregiate varietà di alberi di melo, nel corso degli ultimi 40 anni, sono andate sparendo, ma con la nuova tendenza al recupero dei frutti antichi diversi sono i produttori di mele che stanno investendo nel ripristino di queste coltivazioni, più ricche di vitamine e sali.
Le proprietà nutritive della mela sono infatti diverse: l’ 85% di questo frutto è costituito da acqua, mentre il restante 15% contiene zuccheri, grassi, acido citrico, acido malico, zinco, cellulosa, manganese, iodio, rame, sodio, zolfo, albumina, pectina, tannino, potassio e varie vitamine (A, E, PP, H, B6, B3, B2 e B1).
L’ Italia è la quinta nazione al mondo per produzione di mele e, nel nostro paese, ogni persona ne mangia in media 15 chili l’anno, mentre siamo terzi nella graduatoria delle esportazioni e la mela del Trentino Alto Adige e’ oramai un simbolo della regione, che da sola copre il 70% della produzione nazionale, seguita da Veneto, Emilia Romagna, Piemonte e Valle d’ Aosta. Oggi, oltre le numerose varietà di mela presenti nel mercato ortofrutticolo, e’ possibile consumare questo frutto anche essiccato, in purea o in comodi snack.
La mela e’ la base per la produzione di Cidro e Canvas, vi si fanno grappe, risotti, dolci, marmellate, estratti e composte.

Rossa, gialla o verde, ma mela: soprattutto biologica

Quante varietà ha la mela? Beh, tantissime! Golden Delicious, dolcissime e gialle, Fuji, rosse e succose, Annurca, tipica del Sud Italia, con certificazione IGP e tanto apprezzata da essere stata definita Regina delle Mele, Granny Smith, con buccia di color verde brillante, sapore acidulo e croccante, Gala, dal colore rosso vivo con striature gialle, aromatica e zuccherina…. e l’elenco non finirebbe qui.
Il dato che si registra però, in questo ultimo periodo, e’ che al di là del colore, sapore o profumo la mela biologica e’ quella sempre più richiesta dal mercato. Bruttina spesso alla vista, ha un concentrato di sapore e profumo al quale oramai non siamo più abituati. E soprattutto di proprietà benefiche per il nostro organismo. Perché come recitavano i nostri nonni: una mela al giorno toglie il medico di torno, ma meglio se non trattata con veleni nocivi alla nostra salute.

Pin It