Le isole siciliane rappresentano l’ insieme degli arcipelaghi e delle isole minori che, insieme con l’ isola di Sicilia, costituiscono il territorio della Regione Siciliana. Sono le isole Eolie, Egadi, Pelagie, Ustica e Pantelleria, luoghi magici e fuori dal tempo. Sarà il mare che le possiede e le circonda, sarà la storia pomposa e secolare, saranno i vulcani e le sabbie bianche, ma nonostante l’ invasione turistica degli ultimi decenni, le isole siciliane sono riuscite a mantenere un fascino ancestrale indiscusso. Esploriamo insieme le isole siciliane, luoghi magici da visitare almeno una volta nella vita.

Ustica

Ustica è tra le isole più belle e incontaminate del Mediterraneo e attira ogni anno sempre più turisti grazie alle bellezze naturali che la caratterizzano, un susseguirsi di baie, pareti laviche e scogli che culminano in una Riserva naturale integrale comprendente anche il tratto di mare più prezioso dell’isola. Per non parlare poi di altri siti naturalistici interessanti raggiungibili con la barca, come la Grotta Azzurra e quella della Pastizza, la cala di San Paolo, la punta dell’Arpa e del Licciarolo, la Colombaia. Il borgo di Ustica, poi, è assolutamente variopinto e caratteristico, grazie ai murales che decorano le tradizionali case bianche dei pescatori.

Pantelleria

A 37 chilometri dalla costa africana e a 47 metri da quella siciliana, in provincia di Trapani, si trova Pantelleria, la più grande delle isole siciliane. Terra di origine vulcanica è quel che rimane di un grosso cratere vulcanico, ed è circondata da altri 24 crateri sottomarini, detti Cuddie. Le attuali manifestazioni vulcaniche presenti nell’ isola sono a carattere secondario e sono denominate “Favare“, emissioni di vapore acqueo. Impareggiabile l’ offerta naturalistica che Pantelleria offre ai suoi visitatori: la Montagna Grande, i boschi di pini a leccio, il vulcano Monte Gibele ed i siti archeologici come le catacombe di Monastero, il villaggio abbandonato di Mueggen, la Grotta del Bagno Asciutto, utilizzata in passato come sauna.

Le isole Eolie

Sette isole con sette millenni di storia, le isole eolie sono un arcipelago di origine vulcanica, in provincia di Messina. Lipari, Vulcano, Stromboli, Salina, Panarea, Aligudi e Filigudi, isole molto diverse tra loro, ma con in comune la bellezza paesaggistica, una storia antichissima e una fauna decisamente interessante. Le più note e prese d’ assalto dai turisti “mondani” sono sicuramente Lipari e Panarea, ma un giro in barca tra le calette più lontane consente di vivere un’esperienza “marina” decisamente unica. Alicudi e Filicudi sono le più lontane dalle terra ferma, hanno una forma a cono, e si caratterizzano per le case create con la pietra lavica, una fitta vegetazione formata da fichi d’ india, capperi, eriche e ginestre. Un giro turistico di Vulcano deve comprendere il giro del cratere del vulcano, la Grotta del Cavallo e Gelso. I turisti resteranno stupefatti dalle “sabbie nere” e dal caratteristico odore di zolfo. Stromboli è amatissima dagli appassionati di vulcanologia per la presenza del vulcano ancora in attività, in estate tuttavia non mancano i turisti appassionati di mare! Altra famosa isola di questo arcipelago è Salina, isola molto verde, con due rilievi montuosi, Monte Fossa delle Felci e Monte dei Porri, con tre comuni, con una vista panoramica notevole verso tutte le altre isole della zona, con una vecchia salina che ha dato il nome all’isola.

Le isole Egadi

Favignana, Levanzo e Marettimo formano l’ arcipelago delle isole Egadi, in provincia di Trapani, al largo della costa nord occidentale della Sicilia. L’ isola più famosa e popolata di tutto l’ arcipelago è certamente Favignana, un’ isola verde e di grande storia, bella nell’ entroterra come sulle sue coste basse e nei paesi eleganti. Marettimo è nota per i resti delle case romane e per gli splendidi fondali. Levanzo, caratteristica per le sue calette come quella della Dogana e del Faraglione, e numerose grotte, come quella del Genovese con le sue incisioni preistoriche.

Le isole Pelagie

Sono situate al largo della costa Sud-Ovest della Sicilia e comprendono le Isole di Lampedusa e Linosa e l’ isolotto disabitato di Lampione, ad oltre 200 km di distanza dalle coste di Agrigento, tra Tunisia e Malta, Sicilia e coste nordafricane. Il loro nome significa “isole dell’ alto mare”, e proprio questo loro isolamento fa sì che vengano visitate prevalentemente da chi è in cerca di pace e tranquillità. Le spiagge di Lampedusa sono note per la loro sabbia dorata finissima offrono ulteriori spunti naturalistici davvero interessanti. L’ isola di Linosa è nota come la perla nera della Sicilia per le sue origini vulcaniche e deve la sua ricchezza alla presenza di una fetta di mare incontaminata con i suoi fondali ricchi di guglie e grotte ed anche con svariati e colorati organismi marini.

Pin It