Conosciamo tutti lo zafferano per il gusto inconfondibile con cui profuma i risotti, ma da tempi antichissimi questa preziosa spezia è nota anche per le sue proprietà terapeutiche. Gli Egizi, i Greci e gli Arabi, lo utilizzavano in cucina, come colorante per i tessuti e come farmaco dalle speciali virtù antidolorifiche e antistress.

La produzione italiana di zafferano e lo zafferano italiano dop

La produzione mondiale di zafferano è di circa 178 tonnellate l’ anno e il 90% proviene dall’ Iran. Dopo la Spagna, l’ Italia è uno dei principali produttori europei di zafferano, noto in tutto il mondo per la sua altissima qualità.
In Italia lo zafferano si coltiva in un’ area comprendente terreni di altitudine non inferiore a 350 metri e non superiore ai 1000 metri sul livello del mare, e la sua produzione è strettamente connessa all’andamento climatico.
Tuttavia lo zafferano non teme il gelo né la siccità, necessita di poca acqua, quindi non richiede irrigazioni frequenti.
In media possiamo stimare nel nostro Paese una forbice produttiva che si aggira tra i 450 kg e i 600 kg , rispetto a 50/55 ettari coltivati. Sapevate che occorrono ben 150.000 fiori per produrre solo 1 kg di zafferano essiccato?
Lo zafferano italiano rappresenta un’eccellenza del made in Italy del settore agricolo. Questa spezia deliziosa si distingue da tutti gli altri tipi di zafferano d’ importazione per la sua ottima tracciabilità e per la caratteristica di essere posto in commercio solo in stigmi integri tostati e non in polvere.
A testimoniare il valore di questo costosissimo prodotto tipico del nostro Paese è il riconoscimento UE.
L’Italia vanta infatti ben tre marchi di denominazione di origine protetta, assegnati allo zafferano dell’ Aquila DOP, allo zafferano di San Gimigniano DOP e allo zafferano di Sardegna DOP. Ma questa pianta, fiore all’ occhiello dell’ agricoltura mediterranea, viene coltivata in numerose altre regioni italiane.

I pregi e le virtù del vero zafferano italiano

Vista, olfatto e gusto, sono questi i sensi a cui affidarsi per riconoscere il vero e originale zafferano made in Italy, senza correre il rischio, più diffuso di quanto crediate, che la polverina rossa venduta con l’ etichetta di “zafferano” sia frutto di un’ adulterazione chimica.
Lo zafferano nasce come uno splendido fiore di un viola intenso e regale e sono specifiche proprietà organolettiche a renderlo una spezia tanto pregiato.
La crocina è il principio che gli conferisce un colore così particolare, il safranale invece gli dona l’ottimo profumo che rallegra l’ olfatto, il sapore, invece, lo deve alla pirocrocina.
Prima di acquistare lo zafferano, quindi, è bene accertarsi della provenienza della nostra versatile spezia.
Magari acquistando solo zafferano dop, garanzia di gusto ed eccellenza del prodotto. Proprio perché lo zafferano italiano rappresenta la prima scelta dell’ intera produzione mondiale.
Ma quali sono le virtù “magiche” del nostro zafferano a cui abbiamo accennato all’ inizio? Sembra che lo zafferano possieda proprietà benefiche per il nostro organismo, e abbia un’ottima influenza sull’ umore e sui disturbi legati al sistema nervoso.
Grazie alle ottime proprietà antiossidanti dei carotenoidi in esso contenuti, inoltre, anche la memoria e la capacità di apprendimento possono essere migliorate grazie al consumo abituale di zafferano. Ma c’è di più, uno studio recente sostiene che lo zafferano sia l’ afrodisiaco più potente esistente in natura.
Buon risotto a tutti allora!

Pin It