Le Marche incastonate tra l’ Appennino ed il Mare Adriatico sono tra le più belle regioni italiane. Al di là dei classici percorsi turistici segnalati dai tanti blog o riviste ci sono luoghi poco conosciuti dove il tempo si è fermato, conservando un fascino ed un atmosfera quasi incantata. Con una grande storia che inizia con il popolo dei Piceni, i greci di Siracusa che fondarono la colonia di Ankon, la dominazione prima dei Galli Senoni poi dei Romani, si arriva alle grandi signorie rinascimentali ed infine allo Stato Pontificio in un susseguirsi di testimonianze che coprono dall’ età del ferro ai giorni nostri. Le Marche, con il settore dell’ agriturismo ed dei soggiorni low cost in forte espansione, si presta bene per brevi vacanze, immersi nella natura e nell’ arte.

I borghi medievali e rinascimentali

Intanto sarà bene sapere che sono ben 22 i siti delle Marche riconosciuti fra “I borghi più belli d’Italia” dall’ Associazione Nazionale Comuni Italiani. Sono luoghi di storia e tradizione, dove il tempo è a misura d’ uomo. Corinaldo, posizionato in cima ad un colle, in posizione strategica tra Ancona ed Urbino, ha una pianta urbana di età medievale e rinascimentale. Fondato intorno al V secolo d.C., da un gruppo di fuggitivi della città romana di SUASA che scappava dalle razzie dei Goti, il suo centro storico è caratterizzato da numerosi monumenti d’epoca medievale: come su un set cinematografico i torrioni, le porte, i merli ghibellini, i baluardi e i camminamenti di ronda della cinta muraria tre-quattrocentesca, lunga 900 metri, ne fanno il più integro esempio di architettura difensiva marchigiana. Perdersi tra i suoi vicoli sarà un esperienza rigenerativa, sedersi in un bar e sorseggiare del buon bicchiere di Verdicchio al tramonto un ricordo indelebile per la memoria.
Per chi è in cerca di una destinazione per un week end romantico, Gradara con il suo castello e la storia dello sfortunato amore tra Paolo e Francesca, immortalato da Dante Alighieri è il luogo ideale. Abbracciata da una cinta muraria trecentesca, sopra una altura da cui in lontananza si scorge la costa e l’ antica via Flaminia, non si può perdere assolutamente la visita al Castello dei Malatesta ed un giro tra le viuzze ciottolate di questo antico paese.

Parco Nazionale dei Monti Sibillini

Per chi vuole inoltrarsi fin nel Parco Nazionale dei Monti Sibillini, Visso vi lascerà stupiti per la sua posizione, incastonato in una conca circondata da una corona di monti. Qui la bellezza del paesaggio è straordinaria. Il borgo medievale, perfettamente conservato è un susseguirsi di balconcini fioriti, palazzetti gentileschi, portali e casetorri. Da non perdere il Chiostro della antica chiesa gotica di Sant Agostino ed il Museo Civico Diocesano. Le Marche per la loro natura rigogliosa, i borghi antichi, gli itinerari storico- culturali, i percorsi enogastronomici sono la metà ideale per scoprire le grandi bellezze del territorio italiano.

Pin It