Le esposizioni canine in Italia, punto d’incontro tra passione cinofila e competizione.

L’Italia è un Paese che offre agli appassionati cinofili un ricco calendario d’eventi dedicati alle esposizioni canine, in cui è facile imbattersi durante l’intero corso dell’anno. Le mostre canine non sono solo un momento di verifica e test per lo stato attuale dello standard di razza, ma anche un’occasione di confronto e un momento di crescita per gli allevatori, i professionisti dell’handling e i proprietari, che possono tornare a casa con la soddisfazione di aver visto competere, e magari vincere il proprio cane, fieri per aver contribuito al miglioramento della razza.
Anima delle Expo italiane è quindi il giusto mix tra passione cinofila e cinotecnica e un sano spirito competitivo che accompagna i grandi e i piccoli allevatori presenti alle esposizioni. Su tutto vige una priorità, che troviamo inserita come premessa allo stesso regolamento Enci sulle mostre canine dove leggiamo: “In tutte le esposizioni canine il benessere dei cani deve avere la priorità assoluta”.

Mostre canine: altro che concorsi di bellezza

Durante le esposizione canine, i concorrenti vengono esaminati da una giuria competente, incaricata di verificare e attestare la bellezza e la conformazione estetica dei cani, alla luce dello standard ufficiale della razza a cui appartengono. È bene specificare per i profani cosa si intende per standard di razza, termine tecnico molto usato nel gergo di settore. Per farlo è fondamentale partire da una premessa: le esposizioni canine non possono essere considerate come la versione a quattro zampe di un concorso di bellezza. Proprio perché a determinare chi saranno i primi 4 soggetti classificati per sesso e per razza, non sono criteri soggettivi come la bellezza, il fascino, o la simpatia, che invece determinano il podio nei concorsi come Miss o Mister Italia. Piuttosto l’assegnazione del titolo è dettata proprio dallo standard di razza, ovvero da quell’ insieme di qualità ideali e indiscutibili che il cane “perfetto” appartenente ad una determinata razza dovrebbe avere.

Le Mostre Canine Riconosciute dall’Enci

In Italia le esposizione canine si dividono in diverse categorie in relazione ai titoli che in esse possono essere rilasciati. In ordine di rilevanza abbiamo le esposizioni internazionali, le nazionali, le regionali e le locali. Quest’ultime, tuttavia, non sono né regolate né riconosciute dall’ Enci, tuttavia rappresentano un’ottima palestra per abituare il cane al ring e all’ handling.
Le esposizioni regionali, sempre meno diffuse negli ultimi anni a causa degli ingenti costi di gestione, prevedono l’assegnazione dei titoli di BIS (Best in the Show), BOG (Best of Group) e BOB (Best of Breed). In questo tipo di esposizione non viene rilasciato il certificato di attitudine al campionato, ma rappresentano un’ottima gavetta per imparare a conoscere più da vicino i tecnicismi ENCI.
Le esposizioni Nazionali, organizzate nei capoluoghi di provincia con cadenza annuale, permettono ai cani classificati di ottenere il CAC, ovvero, il Certificato Abilitazione Campionato Nazionale. Le Expo più prestigiose sono sicuramente quelle internazionale, a cui partecipano migliaia di cani campioni. Nelle competizioni Internazionali, oltre che al CAC, viene messo in palio il CACIB (Certificato Abilitazione campionato Internazionale di Bellezza).
Altro che Miss! I vincitori delle Expo canine sono dei veri e propri campioni d’eccellenza.

Pin It