Le scarpe italiane fatte a mano sono note in tutto il mondo per la loro eccellente qualità. Che siano un paio di raffinate e comode calzature da uomo o seducenti scarpe da donna con il tacco alto, indossare un paio di scarpe italiane fatte a mano è un’esperienza estetica e qualitativa ineguagliabile. Provate a fare un giro nei negozi di Firenze, di Milano, o di Roma dove ancora si producono e vendono le scarpe italiane fatte a mano, dovrete farvi spazio tra la calca di turisti desiderosi di arricchire i loro guardaroba e illuminare i loro outfit con uno splendido paio di scarpe italiane prodotte artigianalmente. E se le signore non potranno resistere di fronte a stivali fatti con il migliore pellame italiano, gli uomini più raffinati non sapranno dire no ad una comoda e impeccabile scarpa stringata senza tempo, dall’inossidabile design made in Italy.

Le scarpe italiane fatte a mano conquistano il mondo

Le scarpe italiane hanno “invaso” e conquistato il mondo da tempo remoto. Già nel Medievo la nobiltà europea riteneva un vezzo indossare calzature prodotte con il migliore pellame italiano. È in quest’epoca lontanissima che lo stile italiano affonda le sue radici. Alcuni storici attribuiscono l’invenzione delle scarpe moderne, i prototipi di quelle che ancor oggi indossiamo, a Leonardo Da Vinci.
Nel 1533 Caterina dei Medici sposa a Parigi il Duca d’Orlèans, per l’occasione chiede ad un artigiano fiorentino di realizzarle un sontuoso paio di scarpe dal tacco altissimo – per l’epoca. L’ottima fattura delle scarpe, che regalarono a Caterina qualche cm in più, un andamento femminile e un aspetto seducente, contribuì ad accrescere la fama delle scarpe italiane, da quel momento in poi considerate un vezzo e un accessorio immancabile per tutte le donne appassionate di moda.
Dobbiamo fare un salto lungo qualche secolo però, per incontrare il maestro a cui si deve la fama internazionale delle scarpe italiane di qualità: Salvatore Ferragamo, oggi brand simbolo del made in Italy nel mondo. Ferragamo, emigrato in America nel 1914, aprì un negozio di calzolaio a Hollywood e nel 1927 tornò in Italia per fondare un proprio commercio di calzature a Firenze, frequentato da una clientela internazionale. Ma è negli anni Cinquanta e Sessanta che le scarpe italiane segnano il loro trionfo, diventando un vero e proprio oggetto del desiderio. È in questo periodo che le dive americane fanno a gara per avere le bellissime scarpe fatte a mano di Ferragamo e Gucci, dei veri e propri gioielli da indossare.

Scarpe italiane fatte a mano: comode, belle e resistenti

Oltre mezzo secolo dopo la fama delle scarpe italiane, come calzature belle e comode non ha perso il suo smalto. Ma cosa rende così desiderabili le nostre scarpe? Perché possiamo considerare le scarpe fatte a mano come un’eccellenza italiana?
Sicuramente per la bravura degli artigiani, che sono stati in grado di conciliare l’introduzione delle nuove tecnologie con la tradizione. Non possono essere sottovalutati inoltre quelli che sono i valori aggiunti delle scarpe italiane fatte a mano: la qualità dei materiali usati, la resistenza nel tempo e la comodità. Scarpe belle da vedere, quindi, fatte con i migliori pellami italiani, che insieme alla cura e all’attenzione con cui vengono realizzate contribuiscono a creare delle calzature resistenti, comode e senza tempo.
Ecco perché le scarpe italiane prodotte artigianalmente devono essere considerate delle eccellenti ambasciatrici della qualità italiana nel mondo.

Pin It